Le qualità nascoste del miele di melata

Le qualità nascoste del miele di melata

La caratteristica peculiare del miele di melata è che non viene ricavato dal nettare. La melata è una sostanza zuccherina e appiccicosa che si forma sulla vegetazione, in particolare sulle foglie degli alberi, in prossimità di colonie di afidi e di altri insetti che si nutrono della linfa di queste piante. Raccolta e utilizzata dalle operose api nei periodi o nei luoghi in cui la produzione di nettari è scarsa, il miele di melata ha delle straordinarie qualità che lo rendono unico. Per produrre la melata è indispensabile un ambiente incontaminato da anticrittogamici, usati per l’appunto nella lotta contro gli afidi. Il miele di melata ha un colore marrone scuro, una consistenza vischiosa e un sapore meno dolce rispetto a quello del miele prodotto dai nettari, un retrogusto amaro e, all’olfatto, un odore che sa di corteccia e terriccio.

La melata possiede un indice glicemico più basso rispetto ad altri tipi di miele e alla maggior parte dei dolcificanti (innalza la glicemia con una velocità inferiore), il che rappresenta un vantaggio soprattutto per le persone che hanno una ridotta tolleranza al glucosio. È un ottimo antibatterico e un lenitivo per il tratto respiratorio. Vanta un potere nutritivo superiore al miele di nettare, grazie anche al maggior contenuto di sali minerali e oligominerali, tra cui ferro, manganese, potassio e magnesio. Grazie alla presenza di oligosaccaridi aiuta il fisiologico funzionamento dell’apparato gastrointestinale. È ricco di polifenoli, sostanze antiossidanti che aiutano l’organismo a difendersi dallo stress ossidativo e quindi dalle infezioni e dall’invecchiamento. Il miele di melata è facilmente assimilabile ed è ottimo quando bisogna fornire all’organismo un pacchetto energetico immediatamente disponibile.

 

Un nostro studio condotto lo scorso inverno su cinquanta bambini in età scolare (3-8 anni) ha dimostrato che il miele di melata somministrato a digiuno (10 g al giorno, un cucchiaio da caffè) ha esercitato un significativo effetto di stimolo immunitario aspecifico riducendo del 75%, rispetto ad un campione di controllo (che non assumeva la sostanza), gli episodi di infezione acuta del tratto respiratorio.

Gli episodi influenzali si sono verificati nel 30% dei piccoli pazienti, ma la sintomatologia clinica dell’episodio viremico ha avuto una durata media di 4 giorni vs 8 giorni del gruppo controllo. Le recidive post virali sono state osservate nella misura del 5% vs 55% del gruppo controllo. Il gruppo che assumeva la melata non ha effettuato l’antibioticoterapia (vs il 70% del gruppo controllo). Le evidenti differenze cliniche tra i due gruppi rappresentano uno stimolo interessante a proseguire la ricerca, approfondendo i meccanismi bioumorali che stanno alla base dell’utilizzo del miele di melata come profilassi delle malattie invernali del tratto respiratorio.

 

Dr. S. Percolla

Leave comment

Via Nizzeti, 66

95030 Tremestieri Etneo (CT)

+ 39 095 7124377

Chiama adesso

Ricevimento

Lun/Mer/Ven: 8:00 - 11:00
Mar/Gio: 15:30-17:00

Prendi un appuntamento

info@cenestesi.it